Innovare per crescere 2013

venerdì am 1

 

Si è concluso a Tirrenia (Pisa) il convegno “Innovare per crescere 2013” che ha visto la partecipazione di tutti i principali attori dell’intera filiera della salute, l’industria del farmaco e del suo indotto,le associazioni di settore, le istituzioni e gli studenti universitari.

Nel corso delle giornate i diversi relatori che si sono avvicendati hanno descritto uno scenario critico per il farmaco, in cui lo sviluppo della ricerca farmaceutica dipende soprattutto dalla capacità di innovare.

Ma per la particolare situazione di crisi che il nostro Paese sta attraversando non è facile innovare; per questo è necessario avviare un profondo cambiamento culturale e dei metodi operativi, puntando alla collaborazione dei diversi attori a tutti i livelli della filiera della conoscenza e di ogni fase dello sviluppo del farmaco.

Secondo un modello proposto nell’ambito del convegno la soluzione alla necessità di innovazione farmaceutica sta nella capacità di mettere insieme e far circolare le “conoscenze sul farmaco” tra imprese, università, enti regolatori, Fondazioni e Charities italiane, nel favorire la collaborazione del nostro Paese con la rete e il patrimonio globale di competenza ed esperienza dell’impresa farmaceutica internazionale.

Più volte i relatori hanno precisato quanto l’industria farmaceutica rappresenti un settore strategico per il nostro Paese, anche per l’indotto che genera, un valore che non si può perdere, ma che, anzi, è necessario favorire attraendo l’interesse di chi investe nella ricerca e sviluppo di nuovi prodotti affinché lo faccia in Italia.

I “classici modelli di ricerca e sviluppo” sono ormai superati, non avendo prodotto risultati significativi a fronte di importanti investimenti e i nuovi modelli che si stanno sviluppando prevedono una stretta collaborazione tra pubblico e privato con l’obiettivo di riuscire a individuare nuove idee innovative nei laboratori delle Università e dei centri di ricerca, dove spiccano passione e creatività, elementi insostituibili per innovare.

Ma, per crescere, l’innovazione è necessaria, non solo nella ricerca, ma in ogni tipo di attività: realizzando, ad esempio, sistemi che proteggano la salute prevenendo e impedendo la presenza di prodotti dannosi o falsificati, come pure razionalizzando e ottimizzando le prestazioni sanitarie con l’aiuto delle tecnologie disponibili.

Un altissimo interesse ha suscitato la "lectio magistralis" di Stefano Pessina che nel raccontare la straordinaria storia della sua Azienda - era di ritorno dagli USA dove per Alliance Boots ha stato stretto un accordo con Wallgreens - ha dimostrato tutta la sua passione, senza la quale il percorso sarebbe stato impossibile. 

Infine, una sessione è stata dedicata ai giovani che ASIS ritiene risorsa fondamentale per l’innovazione: “Innovare per crescere ... l’inizio !”

(RdL)

 

Il programma

Le relazioni

"Innovare per crescere ... l'inizio !"